In barca con i bambini

In barca con i bambini di Ivana Clemente

Le amiche continuavano a ripetermi “che follia: una vacanza in barca a vela con 4 bambini di equipaggio è una vera follia” ! Nonostante lo scetticismo dilagante degli amici, si parte comunque, perché il richiamo del mare è un istinto così forte che non c’è ragione che tenga. Al piccolo porto di Lipari noi, e l’altra famiglia di amici, facciamo conoscenza del nostro skipper e della nostra bellissima imbarcazione, una barca a vela di 50′ piedi, entrambi perfetti compagni di viaggio per una settimana. Così l’indomani, in una calda mattina di agosto prendiamo il largo, alla conquista delle isole Eolie. Il mare è calmo, il sole alto, l’atmosfera è magica e dinanzi a noi soltanto un’immensa distesa blu, orizzonte indefinito e profondo. I bambini si rivelano educati e calmi, rapiti da uno scenario che supera ogni loro aspettativa e che li proietta in un mondo fatato, fatto di cieli stellati e di navigazioni avventurose. Lo Skipper, nonostante la giovanissima età, riesce, con la maestria di un lupo di mare, a condurci nei luoghi più spettacolari dell’arcipelago; così ci tuffiamo ed esploriamo il meraviglioso scoglio di Basiluzzo, passeggiamo lungo le vie di Stromboli, che la sera ci saluta mostrandoci i suoi pennacchi fumanti, giochiamo con i pesci che nuotano a Lisca Bianca, ci concediamo una colazione con granita e brioche a Salina, dove sembra di vivere in un film, e poi l’alba……il sole sorge direttamente dal mare e albeggia accanto a Panarea, colorando il cielo di immenso e regalandoci un meraviglioso “buongiorno”, tra l’equipaggio regna una armonia irreale, quella che puoi provare solo quando ti senti davvero parte della natura, del mare, dell’infinito e che, purtroppo, non si riesce a tradurre in parole, ma si può solo “vivere”.

Salutarci e tornare alla quotidianeità è stata l’unica parte difficile della vacanza, ma ripagata dalla soddisfazione di rispondere agli amici che la vera follia è quella di privare i bambini di una vacanza così bella.

 

 

This Post Has One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *