Catamarano Traversata

Non solo crociere in Sicilia, storia di una lunga navigazione…

Dal diario di bordo del nostro amico Paolino, un racconto di viaggio che vi farà venire la voglia di rimettervi subito in navigazione!

Traversata bretagna catamarano (9)

Si parte! Ho preparato con cura il bagaglio con abbigliamento tecnico e l’attrezzatura utile a una ventina di giorni di navigazione. Questa volta sarò a bordo di un Lagoon 52 nuovo di zecca, appena uscito dal cantiere di Bordeaux in rotta per Loano, vicino Savona. Ora la mia curiosità si concentra sull’equipaggio, sui miei compagni di viaggio, che incontro per la prima volta sulla banchina del cantiere Lagoon sito appena fuori il centro città sul fiume Garonna.

Traversata bretagna catamarano (7)

Attraverseremo il golfo di Biscaglia, costeggeremo il Portogallo, passeremo da Gibilterra e risaliremo il Mediterraneo costeggiando la Spagna, il Golfo del Leone, fino al Principato di Monaco e all’ Italia, tra le scogliere della verde Liguria.
Siamo in 5 ad affrontare più di 2000 miglia e la cambusa deve essere ben organizzata così come tutto il resto: a bordo non deve mancare niente e dobbiamo essere sempre pronti ad affrontare qualsiasi situazione.
Decidiamo di partire la mattina non tanto presto aspettando che la corrente del fiume Garonna sia favorevole per farci arrivare a Royan in meno tempo possibile. Qui attendiamo una notte viste le condimeteo sfavorevoli: il golfo di Biscaglia va attraversato in sicurezza.

Traversata bretagna catamarano (8)

Finalmente l’oceano, con vento e corrente a favore, arriviamo a La Coruna in meno di 48 ore. In questa tratta raggiungiamo la velocità massima dell’intero viaggio (15.9 nodi). Il tempo di fare cambusa, il tagliando ai motori e al generatore, sostituire un pezzo e ripartiamo subito verso Cascais.
Pane caldo, un caffè, un pò di frutta e via per Gibraltar.

Traversata bretagna catamarano (6)

Lo stretto di Gibilterra è famoso per le sue correnti superficiali che possono raggiungere la velocità di 6 nodi e non è simpatico averle contro quindi consultiamo le tabelle ed entriamo in Mediterraneo con quasi 3 nodi di corrente a favore.

Traversata bretagna catamarano (5)

Sapere di essere nel Mediterraneo è quasi come essere già arrivati anche se sappiamo di dover affrontare l’ultimo ostacolo: Il Golfo del Leone. Ogni tanto proviamo a pescare ma non prendiamo nulla…allora meglio suonare l’ukulele al rosso del tramonto. Una partita a dadi, un po’ di musica, mangiamo un bel piatto di pasta e poi di nuovo a controllare la rotta…le giornate passano in fretta e non mancano certo momenti di scherzo. Arriviamo a Barcelona e attracchiamo nel porto….Cristoforo Colombo ci guarda dall’alto.

Diamo ancora a Llafranc il giorno dopo e decidiamo di fermarci aspettando che il leone ponga fine al suo ruggito: il paese è bello e ceniamo in un ristorante. Ripartiamo nel cuore della notte dopo due giorni di rada e affrontiamo un golfo del Leone che ci sorprende con una calma da fare invidia anche al Lago Maggiore; siamo di fronte alle coste di Marsiglia, un bel tramonto sulle Porquerolles e poi un bel ventone al traverso che ci porta fino a Loano.
Sono contento che siamo arrivati ma allo stesso tempo l’avventura è finita e non mi resta che salutare i miei compagni di viaggio,esperti marinai che hanno arricchito la mia esperienza e che ora considero amici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *